Medicina estetica consigli per l'estate

Medicina estetica, 4 consigli utili da portare in vacanza

Spesso si pensa alla medicina estetica associandola alle azioni riempitive, per ridefinire i volumi del volto o per ridisegnare la silhouette. L’obiettivo primario del medico estetico è quello di prevenire o alleggerire i segni del tempo in armonia con le differenti fasi della vita, con l’aspetto fisico e con il benessere mentale del paziente. La bellezza è benessere a 360°. E questo benessere globale va perseguito anche in estate. Di seguito vi lascio quattro consigli utili da portare con voi in vacanza per godere appieno dei benefici del mare, del sole e della natura.

1) Mare

Il mare ha gli stessi effetti di un linfodrenaggio, favorisce l’eliminazione dei liquidi in eccesso e lo smaltimento delle tossine attraverso la circolazione linfatica. Il massaggio provocato dalla pressione dell’acqua stimola la circolazione, favorisce il ritorno venoso e va a drenare i liquidi. Insomma, un linfodrenaggio non manuale, ottimo per le persone soggette a edemi e gonfiori agli arti inferiori, utilissimo come arma contro la cellulite. Non solo l’acqua del mare ha effetti benefici sul nostro corpo, ma anche la sabbia: i suoi granelli più o meno grandi si rivelano ingredienti fantastici per un peeling corpo in piena regola. Per trasformare una normale giornata di mare in un appuntamento col benessere basterà una manciata di sabbia ed un po’ d’acqua di mare: un mix perfetto da massaggiare su tutto il corpo, eccezion fatta per il viso che risulta troppo delicato per questo trattamento, per un effetto esfoliante. L’utilizzo della sabbia bagnata infatti favorisce il rinnovo cellulare ed una pelle molto più liscia. Un trattamento facile, veloce ed estremamente low cost.

2) Sole

Il sole è una potente medicina naturale e gratuita. Numerosi studi hanno dimostrato come 20 minuti di esposizione al sole bastino per fare il pieno di vitamina D. Anche se va detto che l’assorbimento dipende da vari fattori: età, tipo di pelle, orario dell’esposizione, da quanto si è coperti e da quanto è forte la calura. Ma il sole è anche il miglior amico dell’umore: esporsi al sole stimola il sistema neuroendocrino aumentando la produzione di serotonina. E al contrario di quanto spesso viene detto l’esposizione ala sole è un valido aiuto per alcune malattie della pelle come la psoriasi o gli eczemi: non risolve il problema alla sua origine ma permette di alleviare moltissimo i sintomi. Se si parla, invece, di esposizione, i consigli migliori sono quelli che da sempre raccomando ai miei pazienti: la cosa più importante è proteggersi, evitare le esposizioni prolungate, le ore più calde e ricordarsi bere molti liquidi e riapplicare correttamente i solari.

3) Movimento

L’attività fisica all’aria aperta è importante per la cura del corpo e degli inestetismi, ma fa bene soprattutto al nostro stato d’animo. E le vacanze sono il periodo dell’anno migliore per cominciare a prendersi cura del benessere corpo-mente. Basta davvero poco: una passeggiata in riva al mare, una una escursione in montagna o un giro in bicicletta anche se si resta in città. Questo servirà a tonificare i tessuti, a rendere le articolazioni più agili e flessibili e a rafforzare il sistema cardiorespiratorio. Inoltre, il contatto con la natura e l’ambiente che ci circonda avrà dei benefici psicofisici importantissimi per il mantenimento di un buono stato di salute.

4) Divertimento

Relax e divertimento sono le parole d’ordine di ogni vacanza che si rispetti. Dormire, riposarsi ma anche fare quello che più ci piace come leggere un libro, guardare una serie televisiva e, per i più attivi, dedicarsi al proprio sport preferito possono sicuramente servire a fare il pieno di energia in vista della nuova stagione autunnale. Ma staccare dal lavoro e avere maggiore tempo libero aiuta anche le relazioni interpersonali: le ferie estive sono il periodo migliore da trascorrere in famiglia o con gli amici. E se le serate in compagnia spesso vogliono dire anche buon cibo, ma non facciamone un dramma: qualche piccolo sgarro alla dieta può servire a ricaptare endorfine e serotonina, “mattoncini della gioia” per la nostra mente e il nostro corpo da immagazzinare per tornare a lavoro con più ottimismo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *